Il laurilsolfato di sodio (Sls, Sds) tutto quello che c’è da sapere su questo tensioattivo

Il laurilsolfato di sodio o SLS, SDS è un tensioattivo usato in molti prodotti detergenti per viso, capelli e corpo.  Questi detergenti sciolgono lo sporco diminuendo la tensione e l’aderenza alla pelle. Mi sono accorta da un po di tempo che la cute sotto i miei capelli è cambiata, non sopporto prodotti da supermercato anche marche abbastanza famose, mi irritano la pelle e me la seccano, vediamo il perché.

Sls, è dannoso?  Non è cancerogeno, è stato dimostrato dall’American Cancer Society, e diventa pericoloso solo ad alte concentrazioni,ma non è il caso dei prodotti per la cosmesi che usiamo tutti i giorni. Può però avere effetti irritanti e causare dermatiti, afte in soggetti predisposti, nei capelli può danneggiare il follicolo pilifero creando arrossamenti cutanei . La cute sentendosi scoperta, tende a produrre più sebo e porta i capelli a diventare più grassi. Inoltre, può danneggiare il film idrolipidico cutaneo creando secchezza e disidratazione.

Esistono alternative valide? Certamente, ci sono dei prodotti a cui vengono aggiunti dei tensioattivi meno aggressivi che bilanciano l’azione irritante, come le betaine che provengono dall’olio di cocco e dalla betaina (aminoacido ottenuto dalla barbabietola da zucchero). (Cocamidopropyl nell’inci ). Altri prodotti vegetali vengono utilizzati, come i tensioattivi non ionici come il Coco-glucoside.

Detto questo, cerchiamo di preferire saponi che fanno meno “schiuma” perché hanno meno sostanze chimiche.

Sono sicuri per l’ambiente? I prodotti che utilizziamo si decompongono molto rapidamente e quasi del tutto. Ma per l’uso attuale ci sono livelli molto preoccupanti. Facciamo attenzione e preferiamo sempre prodotti più naturali.

 

cropped-tagsphere-blog-1.jpg

 

 

Annunci