Beauty dal mondo

Lo smalto tra seduzione e status sociale

Colorare proteggere perfezionare

Dalle Regine egizie alle dive di Hollywood, tra streghe e personaggi immaginari fino ad arrivare alla nail art delle celebrities di oggi… passando per qualche dentista! Fin dai tempi antichi le unghie venivano colorate in India con l’uso di henné, una polvere tratta da foglie essiccate. Nella cultura cinese ed egiziana lo smalto per unghie serviva per identificare lo status sociale. In Cina si usavano miscele di gomma arabica, albume d’uovo, gelatina, cera d’api, petali di orchidea e rosa misti ad allume per creare colori laccati: polvere d’oro e d’argento per i nobili, rosa per la classe media. In Egitto, Cleopatra e Nefertiti coloravano le unghie con un henné rosso, il colore identificativo per l’alto tanto. Gli Inca raccontavano la propria storia dipingendo le unghie con disegni, stemmi, immagini di aquile e di uccelli. Nell’Età Vittoriana lo smalto è applicato con olio e un pezzo di camoscio; nell’800 si utilizza una miscela di oli rossi; in seguito delle polveri e creme colorate. Nel 1911 il marchio Cutex inventa il primo prodotto creato ad hoc per le unghie, un liquido per la rimozione delle cuticole e poi uno smalto liquido che consisteva in una bottiglietta sigillata con il pennello applicatore a parte. Negli anni ‘20 viene prediletta la moon manicure, si lasciava bianca la punta dell’unghia o la mezzaluna alla sua base. Nel 1932 Revlon inventa il primo smalto liquido colorato moderno riproducendo i colori delle vernici delle automobili, da poco immesse sul mercato, sulle unghie delle donne e diffonde la moda di abbinare il colore del rossetto allo smalto, modello sfoggiato dalle star degli anni ‘50, icone di stile come Rita Hayworth, Audrey Hepburn e Marylin Monroe che utilizzavano il colore rosso in tutte le sue tonalità. Con il cinema a colori anche personaggi immaginari come le streghe dell favole più famose esibiscono unghie lunghe, laccate e curate. Grimilde la perfida matrigna di Biancaneve, regina superba, nota per la sua vanità; Lady Tremaine la matrigna di Cenerentola; Malefica ne La bella addormentata nel bosco, sofisticata con modi regali e signorili; è perfino Ursula, la strega del mare de La Sirenetta, vantano una manicure perfetta! Per rispondere alle esigenze di cura e perfezione, tra esperimenti e test, dobbiamo ringraziare due dentisti statunitensi, Maxwell Lappe per l’invenzione delle unghie finte nel 1934 e Fred Slack per la ricostruzione delle unghie nel 1955 utilizzando le resine impiegate per le cure dentarie! Nel corso degli anni la diffusione dello smalto ha seguito la storia e l’emancipazione femminile rappresentando un modo di essere, ma anche una provocazione e un gioco. Oggi > influencer, star del cinema e della musica dettano i trend a cui ispirarsi, colori, forme e decorazioni per una manicure spettacolare! No regole ma unghie perfette. A ognuna la sua scelta! Be different!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: